Decreto sostegni bis: gli ecoincentivi auto sono prorogati fino a fine 2021 


Lo scorso 23 luglio è stato approvato definitivamente e pubblicato in gazzetta ufficiale il cosiddetto decreto sostegni bis (legge 23 luglio 2021 N. 106), con la quale il governo si impegna a stanziare ulteriori 350 milioni di euro fino al 31 dicembre 2021 per incentivare l’acquisto di auto e veicoli commerciali nuovi e meno inquinanti, e la rottamazione di quelli vecchi. 

 

Vediamo in breve come funziona.

 

260 milioni per le auto nuove, 40 per le usate

 

I 350 milioni di incentivi sono ripartiti - come già in passato - in base alle diverse categorie di veicoli, con alcune condizioni specifiche legate alle classi di emissione

 

Per l’acquisto di auto nuove sono stanziati 260 milioni di euro, di cui 60 sono riservati alle auto elettriche. 40 sono i milioni invece sono destinati all'acquisto di auto usate tra privati, mentre gli ultimi 50 milioni sono invece destinati all’acquisto di veicoli N1 o M1 speciali, di cui 15 milioni sono riservati esclusivamente ai veicoli elettrici. 

 

È possibile accedere al fondo da 200 milioni se si acquista un veicolo nuovo con emissioni di CO2 comprese tra 61 e 135 g/km con prezzo di listino fino a 50000 euro, IVA esclusa e destinando a rottamazione quello vecchio. Inoltre è fondamentale che il concessionario applichi uno sconto di almeno 2000 più IVA. Sostanzialmente si parla di auto di piccola cilindrata, o mild e full hybrid benzina e diesel.  

 

Il fondo da 60 milioni è invece destinato ai veicoli nuovi con emissioni comprese tra zero e 60 g/CO2, quindi veicoli elettrici al 100% e ibride plug-in, sempre con limite massimo sul prezzo di listino di 50000 euro. In questo caso la rottamazione è opzionale, ma permette di accedere ad ulteriori sgravi sull’acquisto dell’auto nuova. Anche in questo caso contribuisce il concessionario, accordando uno sconto di 2000 euro più IVA in caso di rottamazione, ridotto a 1000 + 220 euro in caso contrario. 

 

È importante menzionare che per l’acquisto di auto nuove anche la locazione finanziaria costituisce titolo di accesso agli incentivi statali.

 

Per accedere al fondo da 40 milioni per le auto usate sarà invece fondamentale che la compravendita avvenga tra privati (persone fisiche), che il veicolo sia di classe non inferiore all’Euro 6, che abbia una quotazione non superiore a 25000 euro e che contestualmente si proceda alla rottamazione del vecchio veicolo immatricolato prima del 2011 (Euro 4 o precedenti).

 

Al netto di tutta la normativa preesistente (Legge di bilancio 2019 e Legge di Bilancio 2021) la situazione è la seguente: 

 

Auto nuova senza rottamazione

 
  • Fascia 0-20 g/km CO2: 4000€ (Ecobonus) + 1000€ (Extrabonus) + 1220€ (Sconto concessionario) - Totale: 6220€

 
  • Fascia 20-60 g/km CO2: 1500€ (Ecobonus) + 1000€ (Extrabonus) + 1220€ (Sconto concessionario) - Totale: 3720€

 

Auto nuova con rottamazione

 
  • Fascia 0-20 g/km CO2: 6000€ (Ecobonus) + 2000€ (Extrabonus) + 2440€ (Sconto concessionario) - Totale: 10440€

 
  • Fascia 20-60 g/km CO2: 2500€ (Ecobonus) + 2000€ (Extrabonus) + 2440€ (Sconto concessionario) - Totale: 6940€

 
  • Fascia 61 - 135 g/km CO2: 1500€ (Ecobonus) + 2440€ (Sconto concessionario) - Totale: 3940€

 

Auto usate Euro 6 con rottamazione usato pre-2011

 
  • Fascia 0-60 g/km CO2: 2000€ (Ecobonus) 

 
  • Fascia 61-90 g/km CO2: 1000€ (Ecobonus)

 
  • Fascia 91-160 g/km CO2: 750€ (Ecobonus)

 

50 milioni per i veicoli commerciali

 

Simile è anche la situazione degli incentivi per i veicoli commerciali N1 (peso massimo 35 quintali). Per il rinnovo del parco circolante in Italia il governo si impegna a stanziare 50 milioni di euro, di cui 15 esclusivamente per veicoli con motorizzazione elettrica. 

 

Le discriminanti in questo caso si basano su massa, alimentazione e rottamazione dell’usato.

 

Veicolo commerciale nuovo senza rottamazione

 

Massa 0-1,999 tonnellate: 

 
  • Se elettrico: 3200€ (Ecobonus)

 
  • Se ibrido: 1200€ (Ecobonus)

 
  • Se altra alimentazione: 800€ (Ecobonus)

 

Massa 2-3,299 tonnellate:

 
  • Se elettrico: 4800€ (Ecobonus)

 
  • Se ibrido: 2000€ (Ecobonus)

 
  • Se altra alimentazione: 1200€ (Ecobonus)

 

Massa 3,3-3,5 tonnellate:

 
  • Se elettrico: 6400€ (Ecobonus)

 
  • Se ibrido: 2800€ (Ecobonus)

 
  • Se altra alimentazione: 2000€ (Ecobonus)

 

Veicolo commerciale nuovo con rottamazione dell’usato fino Euro 4:

 

Massa 0-1,999 tonnellate: 

 
  • Se elettrico: 4000€ (Ecobonus)

 
  • Se ibrido: 2000€ (Ecobonus)

 
  • Se altra alimentazione: 1200€ (Ecobonus)

 

Massa 2-3,299 tonnellate:

 
  • Se elettrico: 5600€ (Ecobonus)

 
  • Se ibrido: 2800€ (Ecobonus)

 
  • Se altra alimentazione: 2000€ (Ecobonus)

 

Massa 3,3-3,5 tonnellate:

 
  • Se elettrico: 8000€ (Ecobonus)

 
  • Se ibrido: 4400€ (Ecobonus)

 
  • Se altra alimentazione: 3200€ (Ecobonus)

 

Anche in questo caso, la locazione finanziaria - leggi: noleggio furgoni a lungo termine - costituisce titolo valido per l’accesso agli ecobonus predisposti dal governo. 

 

Come già detto, i fondi saranno disponibili fino a fine dicembre 2021. Ma se il passato insegna qualcosa è molto probabile che finiranno prima, specialmente per la fascia auto con emissioni CO2 tra 61 e 135 g/km.


CONDIVIDI SU

Condividi l'articolo su Facebook Condividi l'articolo su Twitter Condividi l'articolo su Linkedin Condividi l'articolo su Whatsapp